Archeo sub: i tesori di Santa Sabina in un progetto internazionale


Si chiama UnderwaterMuse lo studio portato avanti dalla direttrice scientifica Rita Auriemma, docente UniSalento di archeologia subacquea, e trattasi di un progetto internazionale che renderà accessibile a tutti i tesori sommersi nel parco archeologico di Baia dei Camerini, a Santa Sabina.

Dalle brocche alle coppe, dalle tazze alle anfore impiegate per il trasporto del vino dalla Grecia e dall’Egeo, gli scavi che continueranno grazie al progetto internazionale in cui Santa Sabina è capofila, restituiranno il restante immenso patrimonio sommerso di merci, di vite e di naufragi.

Il progetto si avvale della collaborazione del dipartimento di Architettura e design del Politecnico di Torino, che curerà rilevamenti e modellazione 3D con voli da drone, laser scanner e altre tecniche innovative, per permettere a chiunque di poter viaggiare nella storia millenaria d’Italia.







COMMENTI ( 0 )

Scrivi il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.