Maratea, la tartaruga Ramona torna libera in mare. L’hanno salvata dalla plastica


Ramona la tartaruga marina che il 13 giugno scorso era stata trovata in grave difficoltà per aver ingerito plastica nelle acque di Maratea, è tornata finalmente libera nel Golfo di Policastro

La Caretta caretta – racconta il Wwf che ha dato la notizia era stata avvistata con problemi di galleggiamento nelle acque davanti alle coste di Maratea. Alcuni volontari,allertarono subito la Guardia Costiera affinché potesse recuperarla e metterla in sicurezza. Da quel momento è iniziata una staffetta con alcuni pescatori che hanno trasferito la Caretta caretta al Centro di Recupero Tartarughe marine Wwf di Policoro. A mettere in pericolo la vita di Ramona sono stati diversi frammenti di rifiuti plastici, che dopo soli tre giorni dal suo arrivo al Centro, la Caretta caretta ha iniziato a rilasciare nella vasca in cui era stata posizionata. Gli esperti si sono accorti subito che la tartaruga aveva ingerito una quantità di rifiuti plastici maggiore rispetto a quella inizialmente espulsa: per ben tre settimane, infatti, Ramona ha continuato ad espellere numerosi frammenti di rifiuti plastici, che hanno colmato tre barattoli da 100ml.

Dopo aver eliminato tutta la plastica ingerita, finalmente Ramona ha ricominciato a nutrirsi e ha ripreso subito forma e peso. La liberazione è avvenuta domenica (26 luglio) dal Golfo di Policastro, alla presenza del sindaco di Maratea Daniele Stoppelli, del comandante Bisanti del nucleo operativo con ufficio circondariale di Maratea della Guardia Costiera e dell’associazione Coordinamento imprese di pesca litorale tirrenico lucano- Maratea. Ora Ramona sta bene e nuota finalmente di nuovo libera in mare.

CLICCA QUI PER VISUALIZZARE IL VIDEO DELLA LIBERAZIONE DELLA CARETTA CARETTA A CURA DEL WWF

COMMENTI ( 0 )

Scrivi il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.